CORSI DI LAUREA TRIENNALI

La discussione della tesi si svolge di fronte ad una Commissione nominata dal Direttore, composta da cinque docenti, ivi incluso il relatore.

La Commissione dispone di un documento, fornito dalla Segreteria studenti, nel quale è riportata la media ponderata del candidato, che rapporta i voti ai crediti: si moltiplica ogni voto per i crediti dell’esame corrispondente, si sommano i prodotti e si divide tale somma per il totale dei crediti conseguiti attraverso gli esami. Il risultato ottenuto si moltiplica per 110 e si divide quindi per 30.

Alla media ponderata così calcolata si aggiungono punti 0,5 per ogni lode ottenuta dal candidato.

Nel documento sono riportati anche gli eventuali corsi extracurriculari seguiti dal candidato con i rispettivi crediti.

La Commissione di laurea in sede di valutazione della prova finale del candidato può aumentare la media ponderata di cui sopra sulla base delle seguenti fasce:

I fascia: media da 66/110 a 79/110 fino a 3 punti di aumento sulla media finale del candidato;

II fascia: media da 80/110 a 98/110 fino a 4 punti di aumento sulla media finale del candidato;

III fascia: media da 99/110 a 105/110 fino a 5 punti di aumento sulla media finale del candidato;

IV fascia: media da 106/110 a 110/110 nessun limite di punteggio.

È prevista la possibilità per la Commissione di deliberare nella terza fascia l’aumento di ulteriori 2 punti qualora ciò consenta l’eventuale raggiungimento del massimo dei voti.

La Commissione, nell’attribuzione del punteggio finale, può tener conto dei corsi extracurriculari eventualmente seguiti dal candidato.

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA
Alla media ponderata si aggiungono punti 0,5 per ogni lode ottenuta dal candidato.

In caso di opzione dal corso di Laurea in Scienze giuridiche o dal corso di Laurea specialistica in Giurisprudenza si utilizza la media ponderata dei voti di tutti gli esami convalidati dai corsi precedenti (con il relativo numero di CFU) o sostenuti nel nuovo corso.

Per gli studenti che abbiano conseguito la Laurea in Scienze giuridiche al calcolo di tale media concorre anche il voto di laurea convertito in trentesimi (110 e lode = 30 e lode).

Tesi ed approfondimenti tematici
La Commissione di laurea, in sede di valutazione della prova finale del candidato, può aumentare di non più di 7 punti la media ponderata di cui sopra, sulla base dei seguenti criteri:

a) fino a 4 punti di aumento per la tesi;  
b) fino a 3 punti di aumento per gli approfondimenti tematici 1 punto se la media dei voti dei due esami opzionali è pari o inferiore a 24/30
2 punti se è superiore a 24/30 ed inferiore a 27/30
3 punti se è pari o superiore a 27/30

La Commissione ha facoltà di concedere all’unanimità la lode, ai candidati con un punteggio pari a 110/110, solo a condizione che il relatore abbia inviato agli altri componenti la Commissione, con almeno una settimana di anticipo rispetto alla seduta di laurea, il testo della tesi in formato elettronico, segnalando la elevata qualità della dissertazione.

Tesi di ricerca
La Commissione di laurea, in sede di valutazione della prova finale del candidato, può aumentare di non più di 11 punti la media ponderata. La Commissione ha facoltà di concedere all’unanimità la lode ai candidati con un punteggio pari a 110/110.

Ai candidati cui viene concessa la lode può essere ulteriormente attribuita, all’unanimità, la speciale menzione della “dignità di stampa”. In quest’ultimo caso, e ove intenda proporre un aumento compreso tra i 9 e gli 11 punti, il relatore deve inviare agli altri componenti la Commissione, con almeno una settimana di anticipo rispetto alla seduta di laurea, il testo della tesi di ricerca in formato elettronico, segnalando la elevata qualità della dissertazione.

Modalità di calcolo della media ponderata per i corsi di laurea appartenenti a nuovi ordinamenti ex D.M. 270/04:

  • Laurea magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza Laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali Laurea triennale in Giurista dell'Impresa e dell'Amministrazione
  • Laurea triennale in Servizio Sociale

Modalità di calcolo della media ponderata per i corsi di laurea ex D.M. 509/99

  • Laurea triennale in Scienze Giuridiche Laurea triennale in operatore Giuridico d'Impresa Laurea triennale in Servizio Sociale Laurea specialistica in Giurisprudenza
  • Laurea specialistica in Direzione Sociale e Servizi alla Persona

Per i corsi di laurea appartenenti ai nuovi ordinamenti il voto medio degli esami e il voto in centodecimi di presentazione alla prova finale sono calcolati secondo una procedura "pesata" che tiene conto del numero di crediti assegnati ad ogni esame. La suddetta media ponderata si ottiene moltiplicando ogni voto per il numero di crediti dell'esame corrispondente; tutti i valori così ottenuti vengono sommati e alla fine divisi per il numero complessivo di crediti maturati sulle attività con voto.
Per coloro che si sono iscritti ai corsi suddetti e che abbiano avuto il riconoscimento di esami sostenuti presso l'Università degli Studi di Genova (a seguito, ad esempio, di cambi di corso), il calcolo della media viene effettuato considerando i crediti degli esami effettivamente sostenuti nel corso di studi precedente.
Tale regola non viene applicata agli esami sostenuti in altri Atenei e nei casi in cui gli esami sostenuti non abbiano corrispettivo in crediti. In questi casi il calcolo della media viene effettuato considerando i crediti convalidati nel nuovo corso.

Calcolo media per il corso di laurea in Giurisprudenza vecchio ordinamento (quadriennale)

Il metodo di calcolo è di natura aritmetica: la media si ottiene dividendo la somma dei voti ottenuti dallo studente per il numero di esami sostenuti.


Regolamento della procedura di accreditamento per lo svolgimento di attività di riprese fotografiche e/o audiovisive all'interno degli edifici universitari [in vigore dal 28.06.2013] - file PDF