Il corso si pone l’obiettivo di fornire una dettagliata panoramica della disciplina vigente in materia di trasparenza e di prevenzione della corruzione, con particolare riferimento agli aspetti applicativi e alle problematicità conseguenti. Il quadro legislativo di riferimento ha subito cospicue e radicali innovazioni nel corso degli ultimi anni: a partire da un sistema fondato essenzialmente sulle regole generali di cui alla legge n. 241/1990, si è giunti oggi a due corpi di diposizioni speciali vigenti l’uno in materia di trasparenza, l’altro nel settore della corruzione.

Il corso si propone di fornire un’esposizione dei principali istituti della trasparenza e della prevenzione della corruzione, nonché di quelli delle inconferibilità e delle incompatibilità (d.lgs. n. 39/2013) integrati dall’analisi dell’interpretazione fornitane dal giudice ordinario e da quello amministrativo.

Il corso è organizzato dal Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Genova, con la partecipazione di docenti interni, di magistrati penali ed amministrativi e di dipendenti della pubblica amministrazione.

Direttore del corso è la prof.ssa Piera Maria Vipiana, ordinario di Diritto amministrativo presso l’Università di Genova, già magistrato ordinario.

Il corso si articola in moduli e in lezioni frontali, integrate dalla documentazione messa a disposizione dei discenti nel corso delle lezioni stesse e sulla piattaforma “aulaweb” ad accesso riservato.

Con riserva di maggior dettaglio ed eventuale rimodulazione alla luce degli interventi normativi in via di emanazione, il corso affronterà i temi di cui ai seguenti quattro moduli, tanto in chiave teorica quanto in chiave squisitamente “pratica” ed “operativa” mediante la disamina di bozze di atti e provvedimenti e/o simulazioni pratiche.

Particolare attenzione sarà comunque riservata alla disamina delle più recenti indicazioni giurisprudenziali rese con riferimenti ai vari istituti, nonché agli atti di indirizzo adottati dall’Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC).